Costa d’Avorio. Turisti fai da te? No… GdS

bambini

Oggi, per raccontare la Costa d’Avorio, vi presento Giovanni e Paola.

in Costa d'Avorio

Due grandi amici nella vita offline che a volte sono anche nostri compagni di viaggio. Ebbene sì. So che vi ho stupito e non ci crederete, ma esiste qualcuno che, non solo viaggia con noi, ma decide di farlo anche una seconda volta!

lavori quotidiani

Oltre ad essere grandi amici, sono anche viaggiatori “atipici”. Non solo hanno resistito in questo villaggio sperduto dell’Africa vivendo con le stesse inesistenti comodità della popolazione locale, ma la cosa più straordinaria è che il loro racconto non parla minimamente delle infinite difficoltà (che vi garantisco ci sono state!).

Costa d'Avorio

Il resoconto della loro esperienza è un misto di positività e gioia dell’incontro che solo due persone speciali come loro potevano scrivere.

Lascio spazio a loro e al loro racconto da pelle d’oca. Alla fine di questo post sarete d’accordo con me!  

maternità

Costa d’Avorio perchè?

Il Granello di Senape è un’organizzazione di volontariato che ha come obiettivo l’aiuto ai paesi poveri del sud del mondo, mediante la crescita sociale dei popoli all’interno della propria cultura e delle proprie tradizioni.

africa

occhiali

Gli aderenti all’organizzazione sono persone di ogni appartenenza sociale e di varie regioni d’Italia, che hanno unito le proprie forze in nome di una solidarietà concreta e non delegata: per questo curano personalmente la destinazione e l’uso delle risorse e dei fondi impiegati, pagando da sé le spese necessarie alla loro opera di volontariato.

lavori quotidiani

In tal modo, quasi tutto il denaro raccolto è destinato alle iniziative di solidarietà (esattamente l’85%), il resto all’organizzazione associativa che di fatto permette di realizzarle.

sguardi

Condividere: è tutto in questa parola il significato del nostro viaggio in Costa d’Avorio con l’associazione “Granello di Senape” Onlus.

 

costa d'avorio

No, non abbiamo partecipato alla costruzione di nuove scuole o di pozzi, non abbiamo migliorato le condizioni di vita o il livello di istruzione del villaggio di Anyama Adjamè…

giochi

Vivere in Costa d’Avorio

Abbiamo vissuto da contadini con i contadini, da operai con le operaie dell’attiekè (lavorazione della manioca, su cui si basa l’alimentazione locale)…

banchetti al mare

Abbiamo fatto festa con loro, cucinato e lavato nelle loro case, nei loro cortili…

lavorazione della manioca

Abbiamo vissuto da ivoriani tra gli ivoriani, senza voler essere come loro, ma più semplicemente con loro.

banchetti e mercati

Condividere, appunto, era il nostro obiettivo e ciò che crediamo e speriamo di aver fatto.

gioia

Forse era meglio un sostegno, una partecipazione più concreta? Può darsi, ma a volte vale più la presenza di Maria dell’affannoso servizio di Marta, il sedersi accanto e lo stringere una mano in silenzio…

manioca

africa

Condividere in Costa d’Avorio

Condividere è insieme semplice e faticoso, ma consente di capire meglio, di aprire gli occhi su realtà così diverse e lontane così come sul nostro mondo.

sguardi

Avere l’acqua corrente in casa e lavare le stoviglie di decine di persone in una bacinella o i panni nello stagno a 15 minuti di cammino (e i panni bagnati pesano) per risparmiare quell’acqua che, seppure in modo discontinuo, comunque esce dal rubinetto, aiuta a comprendere meglio il vero valore di questo bene prezioso…

mercati

Avere il cellulare e usarlo solo come rubrica perché chiamare costa ed è meglio acquistare una chiamata a 100 FCA (0,15 €) al minuto dal baracchino lungo la strada o recarsi di persona da chi dobbiamo contattare aiuta a ripensare alla nostra capacità di comunicazione, praticamente illimitata, del nostro mondo senza dialogo…

bambini

Ma anche aspettare pazientemente e con il sorriso sulle labbra che il pulmino si riempia perché l’ora di partenza dipende da quando tutti i posti a sedere sono occupati, aspettare che le riunioni inizino o ricominciare più volte il discorso perché nel frattempo è arrivata qualche altra persona, aiuta a riflettere sulla centralità della persona, appunto, rispetto all’orario da rispettare, all’obiettivo o alla produttività da raggiungere, al mondo misurato solo in base ad efficienza ed efficacia…

acconciature

trasporti e fatica

Vivere la quotidianità in Costa d’Avorio

No, non è stata un’esperienza straordinaria, ma uno straordinario modo di vivere a pieno la quotidianità, la vita semplice di ogni giorno, che si ripete sempre uguale là come qua (perché sono le necessità di base a dettare i ritmi del lavoro quotidiano e non c’è molto spazio per il riposo e lo svago quando devi accudire otto figli, la casa e i campi) ma che è sempre viva e nuova perché nuove e autentiche sono le relazioni.

ragazzi

trasporti e logistica

Non abbiamo portato tecnologia, sapere, denaro… abbiamo portato solo la nostra disponibilità e apertura e in cambio abbiamo ricevuto una grande lezione, seduti alla scuola dei poveri e dei semplici; al ritorno a casa dai nostri zaini è uscito qualche vestito sporco, qualche piccolo souvenir e un indelebile ricordo di chi, nella sua povertà e semplicità, ci ha saputo accogliere con il sorriso, profondamente convinto che ogni incontro è insieme un dono e una benedizione.

giochi

essere giovani

Un’ultima cosa non potremo dimenticare: i “Ciao” dei bambini che riecheggiavano da ogni angolo non appena mettevamo il naso fuori dalla porta di casa, le loro corse per riuscire a prenderci per primi la mano, o per entrare nell’inquadratura di una foto, le loro grida e le risa di una felicità travolgente e contagiosa per il solo fatto che eravamo lì, che avevamo del tempo disponibile per loro.

Costa d'Avorio

cartelli

Non abbiamo portato giochi, dolci o colori… eravamo lì con loro e per loro era più che sufficiente. Davvero non potevamo chiedere di meglio!

Giovanni e Paola

acconciature

Per informazioni:
Granello di senape ONLUS
Strada Tetti Raimondi n. 8
12042 BRA – CUNEO – ITALY
Tel. +39 0172 44599 – +39 329 7288617
Fax +39 0172 418769
http://www.granellodisenape.org
 .

giochi bambini
















 

Info su Liliana Monticone

E-commerce per lavoro su www.avalonrelax.it e Family Travel Blogger per passione su www.blog.lilianamonticone.com
Questa voce è stata pubblicata in Africa, Costa d'Avorio e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Costa d’Avorio. Turisti fai da te? No… GdS

  1. miportovia scrive:

    Che bello questo racconto Liliana. mi ha ricordato le esperienze fatte in Africa in particolar modo in Angola.
    Paola e Giovanni mi siete piaciuti davvero tanto, la semplicità e l’energia del vostro racconto insegna tanto, condividere cioè stare con
    meraviglioso!

    Elisa

  2. Che bello! Sapere che al mondo esistono persone come Paola e Giovanni fa recuperare fiducia nel genere umano!

    Complimenti davvero,
    Francesca

  3. Pingback: Côte d'Ivoire. Tourists do it yourself? No... Granello di Senape.

Lascia un commento