Hout Bay in Sudafrica con foche, pinguini, struzzi e balene.

South Bay è situata a pochi chilometri da Città del Capo, in questa punta estrema d’Africa.

Si può acquistare l’escursione in giornata direttamente sul waterfront. Non prenotate nulla prima e scegliete lì quella più adatta a voi in abse a prezzo, barca e durata.

Si viene prelevati direttamente in hotel di primo mattino e si scende lungo la penisola. Le spiagge sono deserte, fortunatamente il forte vento di ieri si è un po’ calmato e alcuni surfisti coraggiosi sono comunque in mare, leggiadri con le loro acrobazie.

Le due spiagge più belle sono Clifton e Camp Bay, interamente in sabbia. Il tragitto per raggiungere Hout Bay è breve e in pochissimo si entra nell’atmosfera della baia.

Qui, in certi periodi dell’anno, è possibile ammirare il passaggio delle balene addirittura dalla terraferma. E’ un luogo affascinante con una sua personalità.

Al molo è tutto un compra e vendi. Le attività legate alla pesca si mischiano con i banchetti turistici che vendono perline, gioielli artigianali e uova di struzzo dipinte.

Proprio intorno al turismo si è sviluppato l’artigianato, ma la pesca resta l’attività principale del luogo.

Il pesce viene lavorato, ovviamente a mano, nei modi più disparati e disposto sui banchi in attesa della vendita.

Con circa venti minuti di barca si raggiunge un’enorme colonia di foche proprio dietro la baia, in un punto raggiungibile solo dal mare per via delle alte scogliere che la proteggono.

Ci sono foche ovunque. Dentro e fuori l’acqua.

Si crogiolano al sole e nuotano a caccia di pesci.

Sono relativamente piccole, divertenti e pacifiche.

Impressionante vederne così tante tutte assieme.

Un regalo inaspettato: l’arcobaleno.

Il tour è davvero particolare e, al solito, la quantità di foto scattate è semplicemente esagerata!

E’ ora di ritornare al porto anche se verrebbe voglia di stare tante ore lì con loro.

Il tour prevede anche una fermata alla fattoria degli struzzi, attività molto comune qui.

Dopo aver appreso tutto sull’allevamento degli struzzi, si prosegue per il Capo di Buona Speranza per raggiungere Boulder’s Beach, vicino a Simon’s Town, un centro abitato rinomato e famoso.

Qui lo spettacolo è davvero unico: tantissimi piccoli pinguini camminano con la loro buffa andatura sulla sabbia.

Giocano, si azzuffano, corrono.

E’ possibile stare ad ammirarli per ore. Sono assolutamente incuranti della presenza umana.

Un piccolo gioca inseguendo una farfalla che volteggia.

Altri entrano ed escono dalle loro tane.

Il mare qui si fa ammirare con tutte le sue sfumature di blu.

Si riprende il viaggio verso il Capo di Buona Speranza. Ad un tratto un rumore, uno sbuffo, pare solo mare agitato… invece no!

Eccola! Una balena enorme che salta fuori dall’acqua. Grandissima e maestosa.

Una bellissima scena inaspettata. Anche l’autista, che ovviamente è stato il primo ad accorgersene, è stupito vista la stagione.

Ripete più volte che è anomalo vederla così vicina in questo tratto e con tutte queste evoluzioni.

Il tempo scorre veloce. Sembrano pochi minuti ed è passata più di un’ora. La testa emerge e il tonfo di questo pachiderma nell’acqua si sente benissimo anche dalla riva.

Dobbiamo andare. Via verso il Capo di Buona Speranza che erroneamente viene considerato il punto più meridionale dell’Africa. Non è così.

L’intera area è piena di questi animaletti buffi.

E dai loro parenti stretti.

Dalla cima del faro si può ammirare il panorama che si estende in entrambe le direzioni.

Il cartello rende l’idea della distanza di questo luogo dal resto del mondo.

Le passerelle permettono di scendere fino al mare.

Tantissimi babbuini popolano la zona al punto da divenire pericolosi. E’ normale per loro rubare il pasto ai turisti, e non solo quello!

Ma non sono gli unici abitanti del luogo. Anche gli struzzi passeggiano indisturbati.

Ecco la meta! Il Capo di Buona Speranza!

Un luogo particolare per tutto quello che rappresenta e ha rappresentato nei tempi passati.

La sua posizione geografica è estremamente importante.

Una sorta di fine del mondo.

Che oggi emana relax con le sue onde agitate e il blu profondo del mare.

Animali così diversi rendono questo luogo particolare.

Magari alcuni un po’ meno piacevoli…

Gli ultimi tratti di passerella in legno permettono di raggiungere la spiaggia di sabbia bianchissima.

Le aspre scogliere creano il contrasto naturale.

Insomma, un altro posto da cui non si vorrebbe mai andare via!

Trasmette un senso di immensità e di conquista.

Magari anche per via della strada per arrivarci.

Ma lo spettacolo merita assolutamente!

Il tramonto arriva in fretta.

E ci ricorda che il tempo scorre e il nostro viaggio continua!

Info su Liliana Monticone

E-commerce per lavoro su www.avalonrelax.it e Family Travel Blogger per passione su www.blog.lilianamonticone.com
Questa voce è stata pubblicata in Africa, Sudafrica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Hout Bay in Sudafrica con foche, pinguini, struzzi e balene.

  1. Its like you learn my mind! You seem to know so much approximately this, such as you wrote the guide in it or something. I think that you simply could do with some % to force the message house a bit, however other than that, this is excellent blog. An excellent read. I’ll definitely be back.

  2. Tiziana scrive:

    Stupendo viaggio. L’incontro con la balena dev’essere stata una bellissima esperienza. Ma quanti animali ci sono! Panorami da mozzare il fiato. Sto seguendo un programma su RAI 5 in cui parlano proprio della costa sud africana dal titolo SHORELINE appena posso lo guardo. Ciao

Lascia un commento