Maker Faire Rome: il futuro si porta a casa!

maker faire rome 2015 Valeria Giovanni e Arianna

Avete presente quei viaggi fantascientifici nel futuro che si vedono solo nei film e si leggono nei libri, ma che nella realtà sono impossibili?

Ecco. Io qualche giorno fa sono riuscita a farne uno!

Non pensate ad un viaggio immaginario, è stato davvero reale.

maker faire rome 2015 la robotica è ovunque

Il 16-17-18 ottobre scorso si è svolta a Roma la Maker Faire. Un evento di portata europeo atteso ogni anno da tutti noi makers e anche da tutti coloro che sono solo interessati all’innovazione e al futuro in ogni campo.

maker faire rome 2015 sono diventata anche reporter per la MakerTV

Tutto comincia quando ricevo la proposta di Riccardo Luna ad intervenire alla Opening Conference per raccontare il mondo che vorrei e che vorrei costruire. Immaginatevi la mia felicità!

Venerdì mattina molto presto ho preso un aereo e sono volata a Roma e la mia avventura è cominciata.

Dovete sapere che avendo parlato proprio per prima, in pratica ho inaugurato io la Maker Faire 2015! Ho parlato del mondo che vorrei, della rete che crea legami e abbatte le guerre e soprattutto della scuola che vorrei per tutti nel mio futuro ideale.

Sì perché dovete sapere che ovviamente ho parlato di scuola, è il nostro mondo, dobbiamo per forza parlarne noi studenti.

Ho però parlato di una scuola di cui non vi ho ancora raccontato nulla qui sul blog. E’ una scuola innovativa che sto frequentando da un po’, la TAG Innovation School, che mi ha davvero cambiato la vita e mi rende STRA-FELICE! Essendo un pilot program sono presenti alcune clausole di riservatezza. Ve la racconterò per bene appena possibile, intanto potete gustarne un assaggio nel testo completo del mio intervento alla MFR15 direttamente sul sito di StartupItalia.

maker faire rome 2015 opening conference con Riccardo Luna

Il mio discorso è piaciuto molto e in tanti mi hanno fatto i complimenti. Non potete immaginare l’emozione che ho provato quando sono salita su quel palco.

L’Aula Magna della Sapienza era stracolma di gente, erano seduti anche per terra nei passaggi. Io ero felicissima di inaugurare un evento così importante, ma allo stesso tempo un po’ agitata.

maker faire rome 2015 i robot che pensano e imparano

Nel pomeriggio e nei giorni seguenti ho visitato i padiglioni, uno più bello dell’altro, dagli argomenti più svariati ed interessanti e tutti a tema innovazione.

C’era persino un padiglione interamente dedicato alla scuola dove dei ragazzi delle superiori con professori “illuminati” esponevano i loro progetti. Quanto mi piacerebbe riuscire a portare qui la mia scuola il prossimo anno! Per il momento l’ho proposto alla mia Preside, chissà!

maker faire rome 2015 robot che imparano

La Maker Faire non è una fiera di quelle normali. Qui si respira tecnologia, cambiamento, innovazione,… in una parola voglia di futuro!

Si incontrano e si conoscono poi un sacco di persone e la cosa più bella è che ci si rende conto di non essere soli, cosa che spesso accade nei nostri ambienti.

Le persone ti trasmettono tantissimo e non solo in campo tecnologico. Scopri che quando tu, nella vita normale, ti ritrovi sola a parlare di Coderdojo, app o smart city che migliorano la vita e che a scuola nessuno immagina neppure il significato di didattica 3.0, di approcci didattici innovativi, di “cambiamento di paradigmi educativi che trasformano e superano l’insegnamento trasmissivo”… qui alla Maker Faire sono tutti come te.

Hanno in testa le stesse idee e la stessa voglia di futuro, mille modi diversi per attuarle e soprattutto incontrano gli stessi problemi con i colleghi, con i compagni di scuola, con gli insegnanti.

maker faire rome 2015 l'aula magna della Sapienza è stracolma

Alla Maker Faire ho conosciuto dal vivo Paolo Mirabelli, che è riuscito, insieme al suo team, a creare all’interno della Sapienza la più grande voliera per droni in Europa.

maker faire rome 2015 la voliera dei droni

C’erano momenti della giornata in cui facevano provare i droni sia ai bambini che agli adulti e altri in cui facevano gare e spettacoli gli esperti di droni. Riuscivano perfino a farli passare dentro dei cerchi sospesi! Affascinanti!

maker faire rome 2015 il mio panel con altri studenti

Ho raccontato anche la mia esperienza di maker ad un panel che si è tenuto sabato pomeriggio insieme ad altri 4 ragazzi. Si è parlato di scuola dal punto di vista di noi studenti e della scuola che vorremmo.

E’ stato interessante scoprire il giorno dopo, ad un talk interessantissimo, che ci sono anche insegnanti come Domenico Aprile e Paola Lisimberti che hanno in testa la stessa idea di cambiamento a scuola.

Hanno parlato di edumakers e di cambiamento radicale del sistema scolastico di apprendimento. Lo hanno fatto da insegnanti portando la loro esperienza, con grafici che supportavano e metodi applicati. Mentre parlavano me li immaginavo nell’aula magna della mia scuola a parlare di queste cose ai miei insegnanti.

Ok, lo so. Sto sognando!

maker faire rome 2015 realtà virtuale ed aumentata

La Maker Faire per me è stata poi occasione di incontri in giro per i padiglioni.

Ho incontrato chi inventa, chi realizza app, chi costruisce robot, chi si occupa di design e tanti ragazzi normali come me, che vivono quello che vivo io e con cui si instaurano legami che durano anche a distanza. Penso ad Arianna, Giovanni, Vito, Simone e tanti altri.

maker faire rome 2015 ancora robot

Domenico Aprile è un insegnante con cui ero già connessa sui social e avevo avuto diversi scambi. E’ stato un onore incontrarlo dal vivo.

Lui crede davvero tanto nel cambiamento della scuola e cerca ogni giorno di coinvolgere più persone possibile nella sua rivoluzione per trasformare questo mondo scolastico così complicato e statico.

maker faire rome 2015 valeria cagnina e mimmo aprile

Paola Lisimberti è un’insegnante di italiano e latino che riesce a contestualizzare la sua materia e a collegarla con l’attualità andando contro i dogmi della scuola tradizionale e lo fa con ottimi risultati.

maker faire rome 2015 paola lisimberti e domenico aprile

Mi è piaciuto tantissimo aver la fortuna di incontrare una ragazza come Arianna. Lei riesce davvero a farti capire cosa significa essere trasformati dall’incontro con insegnanti come Domenico e Paola.

maker faire rome 2015 giovanni ed arianna allo stand

Giovanni riesce subito a farti sentire a tuo agio con le sue parole e soprattutto ha già le idee molto chiare su cosa vuole fare del suo futuro e di come vuole crearlo e renderlo unico.

maker faire rome 2015 il nostro panel sulla scuola

Vito è un ragazzo che non ama mettersi in mostra ma riesce con poche parole a far capire la sua grandissima capacità di seguire il cambiamento e la sua voglia di imparare e trasformare la sua vita ogni giorno.

maker faire rome 2015 robot che pensano

Simone, ultimo ma non meno importante, ha avuto la fortuna di conoscere Domenico Aprile sui banchi di scuola e continua a seguirlo. Trasforma ogni giorno la sua realtà!

maker faire rome 2015 domenico aprile

La mia esperienza alla Maker Faire Rome è fatta di scoperta. Progetti, idee innovative e tantissimi aspetti che si possono replicare qui da noi. Adesso ho un sacco di nuove idee per il nostro Coderdojo!

maker faire rome 2015 intoino

La Maker Faire è un’occasione per tutte le età per entrare nel futuro, per vivere un’avventura che cambia il modo di pensare e ci carica nelle difficoltà che ogni giorno incontriamo per portare un po’ di innovazione nelle nostre realtà.

Un evento imperdibile. Vi aspetto alla prossima edizione 2016!

maker faire rome 2015

Questa voce è stata pubblicata in Il mondo di Valeria, Italia, Lazio e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Maker Faire Rome: il futuro si porta a casa!

  1. Pingback: La robotica al MIT di Boston: tutta da scoprire! - Travel Blogger Liliana Monticone

  2. Pingback: Il mio discorso all'Italian Digital Day a Venaria - Travel Blogger Liliana Monticone

Lascia un commento