Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la grande moschea

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost

Muscat, in Oman è stata una tappa forzata del nostro viaggio in Sri Lanka. Una scoperta: una piacevolissima tappa forzata. Ecco allora per l’Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost per chi si appresta a visitare questa splendida destinazione.

Taxi pubblici

  • Per fare il giro della città di Muscat e dei monumenti utilizzate i taxi pubblici. Contrattate sempre prima il prezzo e sceglieteli allontanandovi un po’ dal vostro albergo (soprattutto se è molto bello).

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la grande moschea

Fiordi e delfini

  • Escursione in barca è d’obbligo. L’Oman non è solo Muscat. Al porto ci sono tantissime compagnie che offrono diverse possibilità (i prezzi sono esposti). Mare bellissimo, natura, delfini, tartarughe,…Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost: le esperienze, come quella del deserto, sono meravigliose!

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la grande moschea

  • Dal porto di Muscat partono anche tantissime crociere di lusso di tutti i prezzi.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la grande moschea

Muscat la capitale

  • Non è necessaria una guida o un accompagnatore per muoversi. Muscat è una città pulitissima, nuovissima e in forte espansione economica. Il carburante costa poche decine di centesimi di euro e quindi i prezzi in loco sono relativamente ridotti (soprattutto se paragonati alla vicina Dubai).

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la grande moschea

Il deserto

  • Tante agenzie sparse per la città di Muscat propongono le escursioni in 4×4 nel deserto con infinite possibilità. Contrattate prima il tutto facendo molta attenzione a cosa è compreso e cosa non lo è (specialmente le bibite). Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost fondamentali per non farsi fregare.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la grande moschea

Il souk

  • Il souk di Muscat è un posto tranquillissimo e sicuro. Fatevi portare da un taxi e giratelo da soli (per evitare che i vostri acquisti siano maggiorati della percentuale riservata alla vostra guida). Impossibile non comprare un po’ di incenso.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. donne a passeggio

  • La moneta è il Rial, ma ovunque vengono accettati gli euro. Prestate sempre molta attenzione al cambio.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la porta d'ingresso

  • Le autostrade sono nuove ed enormi. Non si paga nessun pedaggio.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost veduta sulla città vecchia

  • L’Oman è un sultanato.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. scorci

  • La popolazione è cordiale e disponibile.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. a passeggio per il centro

  • Le indicazioni stradali sono sempre sia in arabo che in inglese.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost il souk

  • Aggiornamento del novembre 2012, periodo del nostro viaggio.

Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. il souk Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. il porto Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. il portoOman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. porta d'ingresso Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. il palazzo del sultanoOman Emirati Arabi Consigli pratici low cost il palazzo del sultano Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. muscat la capitale Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost la capitale Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost il palazzo del sultano Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost il palazzo del sultano Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost. muscat di notte

Info su Liliana Monticone

E-commerce per lavoro su www.avalonrelax.it e Family Travel Blogger per passione su www.blog.lilianamonticone.com
Questa voce è stata pubblicata in Asia, Oman e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Oman Emirati Arabi Consigli pratici low cost

  1. Ciao… mi chiamo Gianluca e amo viaggiare fai date. A Natale vorrei visitare l’ Oman ma ti confesso che mi mette un pò di ansia perchè viaggio da solo.
    Vorrei chiederti se mi conviene assumere una guida locale per visitare il paese oppure noleggiare un auto e fare da solo… insomma puoi darmi qualche consiglio su come muovermi in sicurezza spendendo “poco”? Grazie

    • Ciao Gianluca e grazie per il tuo commento. Io ho trovato l’Oman un paese estremamente sicuro e tranquillo. Per il consiglio… diciamo che dipende da cosa hai in mente e quanto tempo. Se ti limiti a Muscat e alle città, puoi fare tranquillamente da solo. Se vuoi girare e scoprire i posti più interessanti il problema di affittare un’auto sono le indicazioni stradali in arabo e l’inglese non è certo parlato nei luoghi più sperduti.
      Io però anziché prendere la guida per tutto il tempo, proverei a vedere le escursioni di 1 o più giorni. Sono tantissime, puoi farle solo per te o unirti ad altri e sicuramente il prezzo è diverso. Ovviamente… non ti dimenticare mai di trattare! 😉
      Ti auguro una bellissima vacanza!

      • Grazie Liliana i tuoi consigli mi sono preziosi… penso di fermarmi 2 settimane in Oman e sicuramente farò come dici tu. Soggiornerò a Muscat e parteciperò ad escursioni guidate di 1 o più giorni. Approfitto della tua disponibilità per carpirti altre info. Quale budget dovrei considerare per questo viaggio, non sono molto esigente, non pretendo un trattamento 5 stelle, mi basta una camera con bagno pulita.
        In quale zona di Muscat è preferibile alloggiare? E considerando che farò escursione, l’ albergo in città è opportuno prenotarlo dall’ Italia per tutto il periodo di soggiorno oppure solo per qualche giorno? Nel senso, si trova ospitalità facilmente? Io viaggio spesso in Marocco ed è un paese che offre molta recettibilità e le strutture le prenoto giorno per giorno con booking, in Oman come è meglio comportarsi?
        Grazie per la tua disponibilità

        • Se sei abituato a prenotare giorno per giorno, vai tranquillo e fallo anche in Oman. Anche perché magari ti verrà voglia di scappare qualche giorno da Muscat e perderti tra le coste e il deserto. A nord ci sono le tartarughe! 😉
          Non è un consiglio che normalmente scrivo a tutti, perché c’è troppa gente che non regge il viaggio così e a mezzogiorno se non ha la camera per la sera è già nervosa! Ma se sei abituato, vedrai che è la soluzione perfetta! … per quel che mi riguarda, l’unica tipologia di viaggio che adoro! 🙂

  2. Laura Ruffi scrive:

    …a parte il concetto di “sultanato” che proprio non mi si “confà”…mi sembra strano che questo bel posto sia così “accessibile” come viene dipinto tenuto conto che c’è Dubai vicino dove hanno le poltroncine del GP di automobilismo d’oro!..ecco mi lascia un po’ perplessa..mi piacerebbe sapere il termine di paragone grazie al quale appare cosi “vivibile”…se poi è veramente alla portata di tutti allora mi trasferiro’ in Oman solo a patto che tolgano l’odioso termine sultanato!! 🙂 …buonasera Liliana…saluti Laura

    • Il discorso è molto lungo, provo a riassumere.

      Per quanto riguarda il sultanato, con me sfondi una porta aperta, l’ho messo di proposito nel post. Un po’ come la Repubblica Democratica delle Maldive… anzi forse loro col sultanato son più onesti!

      Per quanto riguarda invece l’accessibilità è stata per me (che notoriamente amo il grande Nord e sono un po’ allergica a questi posti) una piacevole scoperta: città pulitissime, percezione di sicurezza, tranquillità nel muoversi la sera da soli, poi natura, delfini, tartarughe, deserto,… Tutto nuovo ed economia in esplosione che si percepisce subito e che stona alquanto con le realtà da cui proveniamo noi!
      Posso dirti che ricercano continuamente personale tecnico altamente specializzato e non gli interessa la laurea per insegnare le materie tecniche. Sono interessati alla professionalità!… Poi magari nei benefit ti offrono l’assistenza sanitaria per le prime due mogli, ma questo é un altro discorso! 😉

      I mercati sono piacevoli se paragonati alle medine del Marocco ad esempio, dove la gente riesce a far scappare la pazienza anche a un bradipo. Qui l’approccio è simpatico e non ti toccano e non ti stanno troppo addosso.
      Al siouk i prezzi li ho trovati molto convenienti e se consideri che un taxi nuovissimo e condizionato ci è costato 50 dollari per circa 6 ore a nostra disposizione…

      Stesso discorso vale per i prezzi al porto. Non ricordo con esattezza, ma erano abbordabili e la parola d’ordine é sempre non prenotare nulla da qui ma farlo là e trattare.

Lascia un commento